aiutare

La cosa più difficile in assoluto quando uno inizia a capire un po’ di più, a svegliarsi, a usare la propria testa, è che si sente un profondo desiderio di aiutare gli altri a fare lo stesso, ad essere più sereni e ottimisti. Ma, sapendo che solo ognuno è responsabile delle proprie emozioni, non è semplice. Spesso ricadiamo in vecchie abitudini e modalità e pretendiamo che gli altri facciano come noi sappiamo sia meglio.

La più frequente è quello che alcuni chiamano ego spirituale, una parte di noi che inizia a capire un po’ meglio come funziona il mondo ma ancora non del tutto e vuole controllare il “risveglio” degli altri. Vogliamo dare loro una mano, ma spesso finiamo per insistere e avere degli effetti contrari a quelli che volevamo. A volte persino si arrabbiano e si difendono, e non capiamo perchè, quando noi volevamo solo aiutarli. Come si dice, se cerchiamo di aiutare una farfalla ad uscire dalla sua crisalide la uccideremo, se… invece pazientiamo finchè le sue ali sono pronte, esce da sola e vola!

La più crudele è lo sprono, perchè spronare qualcuno è un insulto alla sua intelligenza e alla sua capacità di fare da solo. I motivatori, i personal trainer, e persino i genitori e i compagni che spronano qualcuno a cambiare, spesso falliscono e più spesso ancora producono un effetto yo-yo come quello delle diete. Per un po’ funziona ma appena finisce il suo effetto, i muscoli esercitati controvoglia diventano più molli di prima.

Il modo migliore, invece, è quello di mostrare loro la strada, di dare l’esempio, di fare vedere che è possibile fare, vedere, sentire, le cose in un altro modo. E, dal momento che non sempre è posibile, ricordarci che solo quando stiamo veramente bene possiamo aiutare gli altri. Il resto del tempo dobbiamo concentrarci nell’aiutare noi stessi, nel rinforzarci e rasserenarci e creare al nostro interno quell’amore e quella gioia che serve per creare le condizioni necessarie perchè anche gli altri possano svegliarsi.

Può sembrare difficile, ma possiamo provare, che ne dite?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È più sicuro cercare nel labirinto che rimanere in una situazione senza formaggio

 

Scusate se esisto (2014)

Scusate se esisto (2014)

Oggi voglio parlarvi di nuovo di una commedia italiana con la meravigliosa Paola Cortellesi e un bellissimo e delizioso Raoul Bova gay, Scusate se esisto!. L’ennesima dimostrazione dell’umore che serve per vivere in questo nostro paese con le sue complessità e paradossi.

questione di priorità

questione di priorità

Ieri, all’incontro di facciamo pace, come previsto abbiamo parlato di valori e di priorità. Abbiamo visto chein un mondo complesso come quello in cui viviamo definire le nostre priorità se non vogliamo che le definiscano le circostanze o qualcun’altro.

voglio il gelato

voglio il gelato

Tanti anni fa, quando sono arrivata in Italia, ho fatto l’animatrice volontaria per un progetto di accoglienza di bambini bielorussi. Stavano in Italia due settimane e anche se la sera stavano con le famiglie, durante il giorno li tenevamo tutti insieme e li portavamo in piscina, a giocare, ecc.

acqua e sale

acqua e sale

Dicono che c’era una volta un anziano maestro stanco dei costanti dubbi e delle lamentele di uno dei suoi discepoli. Vedeva solo il lato negativo delle cose e si rifiutava di ascoltare nulla che non fosse quello che sperava di sentire.