21 consigli (2019)

Dopo Sapiens – Da Animali a Dèi e Homo Deus – una breve storia del futuro, ero così innamorata della forma di scrivere di mi sono innamorata così tanto delle parole di Yuval Noah Harari, che non ho potuto aspettare per leggere il terzo  21 lezioni per il secolo XXI.

Nella prima parte, inizia ad analizzare l’attuale disillusione in cui viviamo come società, i cambiamenti nel mondo del lavoro, in cui l’evoluzione sta andando troppo veloce per come si evolvono i nostri cervelli e ogni anno scompaiono e nascono dei mestieri, e le problematiche legate ai concetti di Libertà e Uguaglianza che il nuovo potere degli algoritmi dell’intelligenza artificiale stanno cambiando ma non risolvendo.

Nella parte seconda osserva la sfida politica e le evoluzioni, nel passato e nel presente dei concetti di Comunità, Civiltà, Nazionalismo, Religione e Immigrazione.

Nella parte terza parla della disperazione e della speranza, di come storie come quelle sul terrorismo e le guerre ci condizionano,
e anche i concetti di Dio o dei diritti universali come concetto laico.

Nella parte quarta riflette sul concetti come la verità, l’ignoranza e la giustizia, e mi ha ricordato tanto i libri di Sibaldi., credo di avere trovato alcune delle sue fonti. E parla anche di questo periodo in cui molti parlano di Post-verità e di come le storie non vere, persino quelle di fantascienza, regolano la nostra vita se non ci fermiamo a pensarlo.

Nella parte quinta, per finire, propone le sue soluzioni, come la resilienza, l’istruzione, la propria ricerca del senso della vita e la meditazione…

L’avete letto? Vi è piaciuto? Raccontatemi la vostra esperienza con il libro… vi va?

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se devi scegliere tra avere ragione o essere gentile, scegli sempre di essere gentile.

Dr. Wayne W. DyerDr. Wayne W. Dyeril mio sacro destino

 

Psicotrappole (2013)

Questa settimana sono tornata a leggere qualcosa di Giorgio Nardone, che era da molto che non leggevo, e ho scelto Psicotrappole, che parla di come spesso ci costruiamo, la nostra mente costruisce, delle trappole in cui cadiamo sperando che comportamenti che hanno funzionato in passato debbano per forza funzionare di nuovo.

Malati di sesso (2018)

Anche questa settimana, una commedia italiana, Malati di sesso, con Francesco Apolloni, che oltre a protagonista è anche sceneggiatore e Gaia Bermani Amaral. Una commedia sentimentale sull’amore e il sesso, sulle donne e gli uomini, molto più simili di quanto normalmente ce li raccontino.

ma… tu, ti ami?

Dopo l’incontro della settimana scorsa di facciamo pace, parlando di quanto ci conosciamo siamo finiti a parlare di quanto dipendiamo gli uni dagli altri e ho avuto una delle mie piccole illuminazioni sull’amore incondizionato e sulle basi su cui si possa costruire.